Ecco come Tesla Linkedin e Accenture assumono i talenti

Oltre il curriculum c'è di più

Nel 1998 è stato condotto uno studio che ha rilevato che la precedente esperienza lavorativa è in realtà uno degli indicatori più deboli del successo futuro del proprio lavoro. Quindi  ha senso ancora affidarsi al curriculum come strumento principale quando si tratta di assumere talenti?

Ciò che ha senso è innovare in modo aggressivo le pratiche di recruiting ed è quello che stanno facendo un certo numero di aziende, tra cui Tesla, Accenture, LinkedIn e altro.

Queste aziende si affidano alla tecnologia basata sulle  sulla neuroscienze per determinare se un candidato è idoneo e quanto è probabile che abbia successo.

Nel caso di Tesla, Accenture e LinkedIn, lo fanno lavorando con Pymetrics, un'azienda che ha concentrato, quello che era un processo accademico di quattro ore di valutazione delle capacità cognitive ed emotive di una persona, in un gioco di 30 minuti.

Fondamentalmente, i candidati completano le attività psico- attitudinali (come puzzle o quiz), A.I. analizza i risultati con delle variabili come le capacità di risoluzione dei problemi della persona, la capacità di multitasking e il livello di altruismo.

La nuova tecnologia aiuta a confrontare le metriche del candidato con quelle dei lavoratori top performer in azienda .

Alcuni  fondatori di startup tecnologiche danno la priorità all'entusiasmo e alla determinazione durante i colloqui

"Non importa quello il candidato ha fatto prima che arrivasse qui", sostengono "Quando assumiamo, quello che cerchiamo è quel mix inconfondibile di unità e talento, ma se dovessimo classificarne uno, sceglieremmo ogni volta qualcuno che ha fame e qualcuno che farà tutto il necessario per eccellere ... e questo è inestimabile. "